Processo Ruby: anche Belen Rodiguez e Barbara D’Urso a cena a Arcore?

0
83
Silvio Berlusconi e Karima El Mahroug | © AFP / Getty Images

Il tribunale di Milano ha reso pubbliche le motivazioni della sentenza che lo scorso giugno, ha condannato (in primo grado) Silvio Berlusconi a sette anni di carcere per concussione e prostituzione minorile. La sentenza rende pubblici i nomi di molti volti della televisione italiana oltre ai già noti Lele Mora e Emilio Fede entrambi condannati a 7 anni: il primo per favoreggiamento e induzione alla prostituzione delle ragazze maggiorenni  e il secondo per favoreggiamento e induzione alla prostituzione, anche minorile, anche se per quest’ultima gli sono state riconosciute le attenuanti generiche.

Tuttavia quello che ha più sconvolto all’interno della sentenza sono le dichiarazioni di Ruby Rubacuori, all’anagrafe Karima El Mahroug. La ragazza che all’epoca dei fatti non aveva compiuto ancora 18 anni  avrebbe raccontato d’aver assisitito a scene da film hard,  dando vita  all’intero scandolo politico e giudiziario. A pagina 175 della motivazione è contenuto il racconto della bella marocchina:

Dopo cena ci siamo recati tutti in una sala del piano inferiore dove si è tenuto il bunga bunga. Io ero tranquilla in quanto sapevo che Lele Mora aveva garantito la mia estraneità a qualsiasi attenzione sessuale. Nel bunga bunga tutte le ragazze erano completamente nude ed alcune (Barbara d’Urso, la Carfagna, la Yespica, la Rodriguez, la Faggioli e altre che non ricordo) si masturbavano ed altre facevano contestualmente petting fra di loro (Marincea, Amanda Del Valle, anche la Rodriguez). Berlusconi vestito in maniera elegante (giacca e cravatta) era l’unico uomo presente ed assisteva; ad un certo punto ricordo di averlo visto intento a leccare i genitali di Sara Tommasi che so essere dedita all’assunzione di cocaina.

Inoltre Ruby sostiene d’aver passato la notte ad Arcore:

In una stanza prospiciente quella dove si ritirarono insieme il predetto Berlusconi, Belen Rodriguez, Nicole Minetti e Barbara Faggioli. Animata dalla curiosità poco dopo mi alzai per spiare all’interno della stanza la cui porta non era chiusa a chiave. Io l’aprii appena e potetti vedere la Minetti che praticava un rapporto orale a Berlusconi mentre lo stesso leccava i genitali della Rodriguez, mentre la Faggioli era intenta a ballare nuda.

Nella sentenza è citato anche il nome di  Francesca Cipriani, ex della Pupa e il Secchione, che tra le altre cose definisce Raffaella Fico “popolana” e si stupisce che sia di gradimento a Berlusconi. I giudici evidanziano inoltre che le affermazioni di Ruby pur essendo legittime non hanno alcuna presunzione di credibilità:

Pur potendo essere poste legittimamente a fondamento dell’affermazione di penale responsabilità dell’imputato, non sono assistite da alcuna presunzione di credibilità, soprattutto quando, nella specie, la dichiarante abbia reso diverse versioni nel tempo in contrasto tra loro. L’attendibilità soggettiva della El Mahroug si scontra, in alcuni casi, con reiterate enfatizzazioni o con le sovrapposizioni di particolari di contorno non riscontrati e, in altri casi, con dettagli non veritieri.

Sentenza Processo Ruby
Sentenza Processo Ruby

Poco dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza è arrivata una nota diffusa dai legali di Belen Rodriguez dove si smentisce chiaramente il racconto di Ruby riguardo alle famose cene ad Arcore:

In relazione alle notizie pubblicate in queste ore su alcuni siti tratte da dichiarazioni che sarebbero state rilasciate da Ruby circa la partecipazione di Belen Rodriguez a festini o “cene eleganti” la signora Belen Rodriguez intende precisare e ribadire quanto già dichiarato, a suo tempo, avanti al magistrato. Non ha mai preso parte a tali festini o cene e si riserva di adire la magistratura contro chiunque diffonda tali false notizie. La signora Rodriguez precisa di aver già conferito mandato al suo legale di agire contro coloro che hanno diffuso tali notizie.

Rispondi