Novità e foto dal mondo di William e Kate: Montreal

0
1068
Montreal, la folla contesta e acclama

Continua il viaggio canadese di William e Kate. Alla prima uscita ufficiale, i due sposini se la stanno cavando egregiamente, anche se i problemi non sono mancati. Non poteva essere tutto rose e fiori ed erano già previste contestazioni nei confronti della coppia reale per la loro visita a Montreal.

La manifestazione di protesta è stata organizzata dal Centro di Resistenza del Quebec e dalla società di San Giovanni Battista di Montreal, i manifestanti hanno urlato di tutto e di più contro il principe William, mentre lui e la moglie Catherine si recavano  all’ospedale pediatrico della città. Pentole e barattoli per reclamare l’autonomia del Quebec, in questo caso è ovvio che la coppia reale non abbia potuto sostare davanti alle transenne per avere un contatto diretto con il pubblico.

E per William e Kate non sono previste solamente visite formali, ma sono concessi loro anche momenti di svago. I due sposini durante il loro viaggio hanno seguito anche un laboratorio di cucina all’istituto turistico-alberghiero locale. Di bianco vestiti, William e Kate si sono dati da fare tra i fornelli, imparando l’arte culinaria insieme agli chef.

GUARDA LE FOTO DI WILLIAM E KATE A LEZIONE DI CUCINA

Per quanto riguarda la duchessa di Cambridge, è ormai certo che in quanto a stile Kate sia impeccabile e detta moda perfino oltreoceano. In questi tre giorni di viaggio, non ha sbagliato nemmeno una mossa, omaggiando il Canada nella giornata del suo 144esimo anniversario, indossando abito e cappellino del colore della bandiera canadese. E nonostante le contestazioni, sono accorsi in molti per non perdersi la visita ufficiale della coppia più amata del Regno Unito. I bambini dell’ospedale psichiatrico hanno realizzato per loro una piccola opera d’arte, un quadretto con disegnato il ritratto del principe e di Kate.

Il viaggio in Canada durerà ancora per una settimana, dopodiché la coppia volerà in California per i BAFTA, ma intanto ecco i foto-aggiornamenti.

Rispondi