Chris Brown e l’aggressione a Rihanna: “Il mio più grande errore”

0
1568
Chris Brown | © Jason Kempin / Getty Images

Era il 2009 quando Chris Brown è finito in tribunale per violenza, tutti hanno visto le condizioni in cui aveva ridotto Rihanna, allora sua fidanzata.

Ma ad anni di distanza, i due sono tornati insieme e più affiatati che mai. L’opinione pubblica non ha gradito questo ritorno di fiamma, soprattutto per Rihanna, che ha perdonato un uomo violento dopo tutte le battaglie che si portano avanti in difesa delle donne. Ma lei dice di amarlo e di averlo perdonato e dopo un periodo in cui i due hanno evitato di farsi vedere insieme pubblicamente, adesso vivono la loro rinata storia d’amore sotto la luce del sole. Chris Brown si è esposto a riguardo per la prima volta in un’intervista rilasciata al Mirror, in cui spiega che la gente ormai punta sempre il dito contro di lui, ma che ha lavorato duro per cambiare.

Chris Brown | © Jason Kempin / Getty Images

Chris Brown si è scusato per il gesto commesso nel 2009 nei confronti della cantante barbadiana ed ha ammesso di aver lavorato sull’accaduto per diventare una persona migliore:

A volte ti azzuffi, litighi con la persona che ami e si dicono cose, si finisce in una spirale. Quella notte è il più grande rimpianto della mia vita, l’errore più grande. Ma lei mi ama, cosa posso dire? Sono stato perdonato… ma sì, ho lavorato duro per questo.

Ma nonostante il perdono di Rihanna, Chris Brown deve fare i conti con il giudizio della gente ed una carriera rimasta bloccata a causa degli episodi di quattro anni fa:

Le persone mi criticano e mi attaccano, succede tutte le volte. Ma loro non mi conoscono e non ci conoscono. E questo non mi disturba più. Gli altri possono giudicarci, ma non sanno niente. Ho imparato molto da quella notte in poi e sono cresciuto. Ero molto giovane e davo per scontate molte cose oltre che la fama. Non capivo, ma il supporto delle persone che mi vogliono bene e dei miei fan, che sono incredibili, mi ha aiutato a superare tutto.

Rispondi