Amber Heard accusa Johnny Depp di violenza domestica

0
95

La notizia del divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard ha lasciato tutti a bocca aperta, dopo soli 15 mesi di matrimonio i due si dicono addio e, come previsto, non lo stanno facendo nel più pacifico dei modi.

Amber Heard, affiancata dall’avvocato Samantha Spector, ha deciso di far emergere dettagli che potrebbero rivelarsi letali per la carriera di Johnny Depp e che di certo non lo mettono sotto una buona luce, ma andiamo per gradi.

Il divorzio tra Amber Heard e Johnny Depp

La prima parte di questa triste storia inizia quando TMZ lancia la notizia della richiesta di divorzio depositata da Amber Heard, due giorni dopo la morte di Betty Sue Palmer, madre di Johnny Depp. Quest’ultimo gira in lungo e in largo per promuovere “Alice attraverso lo specchio” mentre la sua vita va a pezzi, in un periodo in cui già tutti si chiedono cosa gli sia successo e parlano di declino imminente. Le prime notizie riguardano Amber Heard e il rapporto con i familiari di Depp, non proprio idilliaco, si sa solo che ha richiesto gli alimenti e che il giudice non ha accolto la sua richiesta, intanto al posto dell’attore si presenta il suo avvocato, Laura Wasser.

Le accuse di violenza domestica

La seconda parte di questa storia la rende ancor più triste, perché emergono le accuse di violenza domestica e il mito di Johnny Depp inizia a traballare, con il timore che possa crollare una volta per tutte. TMZ pubblica la foto di Amber Heard con un livido intorno all’occhio, risalente solo a sabato scorso. L’attrice ha richiesto un ordine restrittivo nei confronti dell’ormai ex marito, il giudice lo accorda, Johnny Depp deve rimanerle a 100 metri di distanza, ma al momento della richiesta l’attore era ancora impegnato con il suo tour promozionale. Amber Heard ha richiesto anche protezione per i suoi cagnolini e che l’attore venga sottoposto a un trattamento di gestione della rabbia, entrambe le richieste, così come quella per gli alimenti, non sono state accettate.

tmz

A questo punto arrivano le accuse peggiori, insieme alla foto vengono raccontati i dettagli: Johnny Depp nel corso del matrimonio avrebbe picchiato più volte Amber Heard, che sostiene che il marito le abbia rotto un iphone scaraventandoglielo sul viso. Durante lo stesso attacco, l’attore avrebbe distrutto vari oggetti in casa, Amber Heard in quel momento era al telefono con un amico e prima che Johnny Depp le strappasse di mano il telefono è riuscita a chiedere aiuto. Così l’amico ha chiamato il 911 e la polizia è arrivata nell’appartamento quando l’attore era ormai andato via, hanno fatto un report e non hanno potuto procedere con l’arresto dell’attore perché Amber Heard non ha rilasciato una dichiarazione ma avrebbe un video che prova le violenze subite. È stata pubblicata la foto in cui si vede un biglietto da visita che i poliziotti hanno lasciato alla Heard suggerendole di richiamare se avesse cambiato idea e sporgere denuncia. A tutte queste accuse se ne aggiunge un’altra: Johnny Depp avrebbe provato a mettere a tacere l’allora moglie offrendole del denaro ma lei ha scelto di depositare la richiesta di divorzio lunedì mattina. Intanto al posto di Depp (che ieri era a Lisbona) si è presentato il suo avvocato.

Johnny Depp, l’alcol e la cocaina

Secondo gli ultimi aggiornamenti, dopo il caos che si è scatenato, Johnny Depp avrebbe chiamato Amber Heard per accusarla di aver mentito. Il problema principale di Depp, noto al pubblico ormai da molto tempo, è la sua dipendenza da alcol e droghe. L’attore non sarebbe mai completamente lucido, la stessa Amber Heard lo accusato di essere a malapena sobrio durante i loro 15 mesi di matrimonio, eccetto quando si trovava sul set dei suoi film, in quel caso assumeva uno chef e un personal trainer per riuscire a rimanere sobrio per poi tornare agli eccessi, liquore e cocaina in pole position. Nelle accuse depositate da Amber Heard si legge che l’attore diventava paranoico e lei era spaventata dal suo temperamento, nel corso del tempo aumentavano gli eccessi così come le aggressioni.

Rispondi