Silvio Berlusconi, Veronica Lario fa reclamo contro la riduzione dell’assegno di mantenimento

0
443
Veronica Lario |©VINCENZO PINTO/Getty Images

E’ crisi economica anche per Veronica Lario che inaspettatamente si è vista ridurre dal Tribunale di Monza l’assegno di mantenimento che Silvio Berlusconi le deve versare ammontare che passa da 3 milioni di euro mensili a 1,4. Insomma anche l’ex signora Berlusconi ha i suoi problemi, nonostante la cifra sia ancora molto alta evidentemente il suo tenore di vita richiede somme ben più considerevoli. La notizia riportata dal Corriere della Sera aggiunge che l’ex premier si è rivolto al tribunale in segreto a luglio scorso.

Per la cronoca bisogna ricordare che Silvio Berlusconi in merito al matrimonio ha ben due cause in corso, l’una di separazione consensuale e l’altra di divorzio. La prima, avviata dopo 22 anni di matrimonio il 3 maggio del 2009 da Veronica Lario, si svolge a Milano, mentre la seconda è in corso di fronte ai giudici di Monza. Quest’ultimi hanno anche stabilito che la signora Lario può fare ricorso  alla Corte d’appello di Milano e così anche il Cavaliere può richiedere un ulteriore riduzione. La Lario non ha rilasciato nessuna dichiarazione in merito a tutta la vicenda, anche se sappiamo che recentemente ha chiamato il suo ex martio per mostrargli tutta la sua solodarietà in merito alle vicende giudiziarie che lo stavano travolgendo.

Veronica Lario |©VINCENZO PINTO/Getty Images
Veronica Lario |©VINCENZO PINTO/Getty Images

Oggi sappiamo che la stessa ex firs lady ha presentato ricorso per la decisione del tribunale di Monza che ha tagliato l’appannaggio mensile da 3 milioni di euro a 1,4. Secondo la Lario e i suoi legali il reclamo alla Corte d’appello di Milano, competente per il secondo grado sui procedimenti di Monza è giustificato, visto che non condivide e non ritiene opportuno che il suo ex marito le sottragga quello che giustamente le spetta dopo aver condiviso parte della sua vita con lui e averlo sostenuto, nonchè essersi dedicata alla famiglia con la passione e l’attenzione che meritava.

Rispondi