Lo sfortunato tour di Marilyn Manson

0
64
© Facebook / Marilyn Manson

Saranno le preghiere degli ultracattolici o il potere della mente di Justin Bieber, ma per Marilyn Manson non è sicuramente un periodo fortunato.

Il cantante ieri sera, 30 settembre, si stava esibendo a New York quando una parte della struttura montata sul palco è caduta proprio addosso a lui sulle note di “Sweet dreams (are made of this)”. La scenografia sul palco prevedeva la presenza di due grandi pistole che sono cadute addosso a Marilyn Manson. Il cantante non si è mosso per un po’, poi sono arrivati i soccorsi ed è stato portato in ospedale. Molti video di fan presenti al concerto documentano l’accaduto e anche se non ci sono conferme ufficiali, secondo alcune persone Manson si sarebbe fatto molto male. Dai video la dinamica non è così chiara, sembra che la struttura in realtà sia caduta sopra uno dei monitor, al momento non si sa nulla delle conseguenze ma di certo non sono stati i giorni migliori per il cantante 48enne.


La caduta a Pittsburgh

L’incidente a New York

 


Venerdì scorso quando stava per concludere il suo concerto a Pittsburgh, Marilyn Manson si è fatto male alla caviglia. Il cantante ha dichiarato di essersela rotta, per chiudere il concerto sulle note di “The beautiful people” ha chiamato l’artista che aveva aperto la serata per aiutarlo a concluderlo. “Mi sono appena rotto la caviglia ma va bene perché Alice Glass mi aiuterà a finire. Vi ho detto che mi sono rotto la caviglia perché il mio tour manager è fascista“. Il tutto è successo nel momento in cui Marilyn Manson è sceso dal palco per cantare insieme ai fan ed è caduto, certo non si può dire che sia nella fase più fortunata della sua carriera. Speriamo che sia tutto ok, ma vogliamo ironizzare un po’: sarà stato il karma a punirlo? Le preghiere dei cattolici spaventati dalla sua musica? O Justin Bieber, fervente religioso, ha fatto in modo che venisse punito per averlo deriso in pubblico e definito “pezzo di me…“?

Embed from Getty Images

Rispondi