Charlie Sheen manda il suo numero di telefono a Justin Bieber via Twitter

0
744
Charlie Sheen | © Christopher Polk / Getty Images

Una gaffe imperdonabile, della quale stanno parlando tantissimo gli USA: il chiacchieratissimo Charlie Sheen ama particolarmente utilizzare Twitter, ma con i social network bisogna andarci cauti. Non si fa altro che parlare di privacy che viene violata ed ecco che Sheen ci casca in pieno.

Charlie Sheen | © Christopher Polk / Getty Images

Anziché inviare un messaggio privato a Justin Bieber, l’ex attore di “Due uomini e mezzo” ha pubblicato il suo numero di telefono su Twitter, dove lo seguono 5,5 milioni di persone. Numero di telefono e poi “Call me bro”, ovvero “Chiamami, fratello”. Peccato che a chimarlo, poi, non sia stato Justin Bieber ma centinaia di persone. Charlie Sheen ha ricevuto più di 1800 messaggi, il suo telefono è andato in tilt. Resosi conto dello sbaglio, l’attore ci ha scherzato su ed ha risposto ad alcune telefonate come se fosse una pizzeria, ma ha capito immediatamente che avrebbe fatto bene a cambiare numero di telefono.

Justin Bieber è stato parecchio divertito dall’accaduto, ma quella telefonata con Charlie Sheen, almeno pare, non c’è ancora stata fino ad oggi, mentre i fan dell’attore erano impazziti, proprio come il suo telefono. E mentre Charlie Sheen si prepara a cambiare numero, l’ex moglie Brooke Mueller è stata arrestata per possesso di droghe ed aggressione. Ancora una volta, la donna è pronta a fare ritorno in rehab, ma fino ad ora i ricoveri hanno dato pochi risultati. La donna era in possesso di cocaina, è uscita su cauzione ma ha trascorso la nottata dietro le sbarre, più volte è stata protagonista di spiacevoli episodi che la legavano a Charlie Sheen, tra cui parecchi casi di violenza domestica. L’attore, che oltre a dipendere da alcol e droghe aveva sviluppato anche una dipendenza da sesso, ad Hollywood quasi una costante, sembra essere tornato sulla reta via, ma per quanto tempo ancora riuscirà a resistere senza combinare un altro strafalcione?

 

Rispondi