Belen Rodriguez attacca Novella 2000 su Facebook

0
671
Belen Rodriguez | © Facebook

Belen Rodriguez perennemente al centro dell’attenzione, nel bene o nel male purché se ne parli. E mentre pare che tutti i preti diano forfait per le sue nozze con Stefano De Martino, la questione si sposta sui paparazzi, sempre più invadenti per avere delle foto del piccolo Santiago.

Come se Belen stessa non pubblicasse abbastanza foto del figlio su Instagram, i fotografi la inseguono dappertutto. Qualche giorno fa a Milano uno di loro si è avvicinato troppo e ha ottenuto la reazione impetuosa e spontanea della showgirl che ha voluto giustamente proteggere il figlio dall’obiettivo del fotografo. Dal racconto di Gabriele Parpiglia risulta che il paparazzo, incredibile ma vero, ferito dopo lo scontro con Belen Rodriguez, abbia deciso di denunciarla.

Nel riportare i fatti, il settimanale Novella 2000 ha dichiarato che in questo periodo Belen Rodriguez è talmente stressata che non presta più ascolto a nessuno, nemmeno a Stefano De Martino, che il prossimo 20 settembre diventerà suo marito. A giudicare dalle foto sui social, Belen sembra tutto tranne che stressata ma se si pensa che è stata messa a rischio l’incolumità di suo figlio, il suo comportamento è più che giustificabile. Tra le frasi di Novella 2000, una di quelle che più dovrebbe aver infastidito Belen è questa:

Belen Rodriguez | © Facebook
Belen Rodriguez | © Facebook

L’argentina, a detta di alcune sue amiche “fedeli”, sembra convinta di poter fare tutto da sola, se ne frega dì chi ha il coraggio di contraddirla quando sbaglia, e preferisce circondarsi di adulatori e adulatrici. Forse dovrebbe dare retta a chi le consiglia di tornare con i piedi per terra e di fare meno la diva.

Prima di passare alle querele, la bella argentina, che presto tornerà anche in tv con “Italia’s got talent” ha deciso di agire direttamente sui social network, consapevole del riscontro immediato del suo messaggio:

Povera novella 2000! Non vende più una coppia e per richiamare l’attenzione deve denigrare i personaggi. Ho pensato di querelare ancora, ma col tempo ho capito che con un semplice messaggio la verità arriva più in fretta. Cara Novella qui si parla di un argomento delicato, non è una questione di stress come amate definirla voi, ma ben più complicato. E ve lo spiego in una semplice frase, se ancora una volta qualche paparazzo inesperto avvicina così tanto l’obiettivo fotografico da mettere in pericolo mio figlio, lo respingerò ancora, ancora e ancora…. D’altronde tutte le mamme farebbero così.

Abbiamo appena parlato dell’incidente avvenuto a New York tra un paparazzo e Nicole Kidman, quello tra Belen e un altro fotografo a Milano non è che l’ennesimo e non sarà nemmeno l’ultimo. Voi cosa ne pensate? Quali provvedimenti bisognerebbe prendersi per tutelare la privacy quando l’invadenza e troppa e soprattutto quando ci sono di mezzo dei bambini innocenti?

Rispondi