Angelina Jolie tossicodipendente: il video fa il giro del mondo

0
72
Angelina Jolie | © National Enquirer

Non deve far piacere ritrovarsi un video di vent’anni fa, nel quale non si era in forma ottimale, fare il giro del mondo. Oggi è toccato ad Angelina Jolie, l’attrice ha dovuto fare ancora una volta i conti con il suo passato difficile.

Lei stessa ha sempre ammesso di aver fatto uso di droghe (tempo fa si parlava addirittura di trapianto del fegato), però sperava che la questione fosse chiusa con un’ammissione e un cambio di rotta avvenuto ormai diversi anni fa. Niente da fare, il National Enquirer ha tirato fuori la questione, ancora una volta.

A parlare è stato quello che all’epoca dei fatti doveva essere lo spacciatore di Angelina Jolie, che spendeva parecchi soldi in cocaina ed eroina. Come ha raccontato Franklin Meyer, l’attrice aveva tutti i segni sulle braccia e nel video è visibilmente magra, il suo volto è scavato. Si vede che sicuramente non era nel periodo migliore della sua vita, nelle immagini è nel suo appartamento di Manhattan intenta a parlare al telefono con il padre.

Di scandaloso nel video non c’è nulla, se non i retroscena che sono stati raccontati a parte, perché non ci sono immagini di Angelina Jolie intenta a drogarsi nè la si vede particolarmente fuori di testa, sta soltanto parlando al telefono e non si può fare a meno di notare quanto sia fisicamente debilitata.

Angelina Jolie | © National Enquirer
Angelina Jolie | © National Enquirer

La magrezza dell’attrice è stata preoccupante più volte nel corso della sua carriera, ma sappiamo bene che i suoi trascorsi sono stati piuttosto pesanti. Star Magazine ha anche spiegato che Angelina Jolie nel sapere della diffusione del video si è naturalmente infuriata e si augura che i suoi (sei) figli non lo vedano mai.

Difficile, basta fare una ricerca su Google e di immagini e fotogrammi di quei momenti se ne trovano a iosa e con una ricerca più approfondita si può facilmente scavare nel passato di Angelina Jolie, in questo caso difficilissimo da dimenticare.

Rispondi