Verissimo, Emma Marrone non tornerà a Sanremo

0
305
Emma Marrone a Verissimo

Emma Marrone più sincera che mai davanti alle telecamere di “Verissimo” è stata ospite della trasmissione di Canale 5 condotta da Silvia Toffanin proprio oggi pomeriggio.

La cantante salentina, che ha conosciuto il successo dopo aver trionfati ad “Amici“, spiega che questi ultimi quattro anni le sono serviti da allenamento ma ora il gioco si fa serio, dimostrando di avere grandi ambizioni e di non essersi montata la testa nonostante il suo grande successo.

Affezionatissima al suo Salento, Emma Marrone ha raccontato delle vacanze con le amiche ma non si è sbilanciata sui suoi progetti futuri. L’unica certezza è che nel 2014 non la vedremo sul palco di Sanremo, ma non chiedetele se duetterà ancora con Alessandra Amoroso o se scriverà una canzone con Moreno, vive giorno dopo giorno e se i progetti artistici arriveranno, ben venga.

Emma Marrone a Verissimo
Emma Marrone a Verissimo

Parlando delle sue esperienze passate e in particolare quella vissuta a “Superstar tour” nel 2003, Emma oggi dice che a guardarsi si fa tenerezza, mentre è stata molto più dura e sfiancante l’esperienza di “Amici“, che però le ha portato molta fortuna:

Avevo paura, per tre mesi ero stata in casetta senza collegamenti con l’esterno, ero contenta di tornare a casa, ad Aradeo, per ritrovare il contatto con quello che sono veramente.

In video viene mostrato un messaggio di Luca Jurman, che racconta di aver sempre apprezzato l’umiltà di Emma Marrone ed il suo modo di porsi con gli insegnanti, il suo sentirsi sempre in debito con il pubblico. Lei infatti aggiunge di essere solo un mezzo per trasmettere arte. Parlando della possibilità di girare un film con Massimo Boldi, come si era vociferato qualche tempo fa, la cantante nega e spiega di aver ricevuto la proposta ma di averla rifiutata. Per ora si concentra sulla musica e scrive sempre più testi, li “cova” dentro, racconta e poi li butta giù insieme agli accordi. “Amami”, uno dei suoi pezzi più conosciuti, è stato scritto in venti minuti alle tre e mezza di mattina.

Rispondi