Sara Tommasi nuova testimonial per Alfonso Luigi Marra

0
640
Sara Tommasi | © IMDb

Dopo Manuela Arcuri, Lele Mora e Ruby Rubacuori, Alfonso Luigi Marra ha deciso di reclutare anche la showgirl Sara Tommasi. Viene da chiedersi, in effetti, come mai l’autore di “Labirinto Femminile” stia scegliendo sempre personaggi che abbiano a che fare con il celebre Rubygate, ma finché fanno parlare, poco importa.

Sara Tommasi | imdb
La notizia arriva da Dagospia e a quanto pare per intraprendere questa nuova avventura da testimonial, la Tommasi dovrà perdere ben cinque chili, altrimenti verrà rimpiazzata da una più magra di lei. Ultimamente la Tommasi si è imbottita di farmaci, per superare l’ultimo spiacevole periodo di accuse e presunte persecuzioni, ma siamo certi che non ci metterà molto a tornare al peso forma. Ieri i pm hanno sentito Sara Tommasi in qualità di parte offesa e la soubrette si è difesa dichiarando di non essere una escort, ma “quel mondo impone dei compromessi“. La Tommasi ha confermato il suo incontro con Berlusconi, parlando nuovamente del famoso 9 settembre, quando le auto di scorta del Presidente del Consiglio erano sotto casa sua e andarono a prelevarla. Anche dalle indagini emerge una personalità molto fragile, il concetto negli ultimi mesi è stato ribadito più volte, lo ha detto esplicitamente anche Fabrizio Corona, ma nonostante tutto, molti esponenti del mondo politico, tra i quali Paolo Berlusconi e Ignazio La Russa, hanno continuato a mantenere dei rapporti con la soubrette. Lei continua a sostenere di essere stata drogata più volte e racconta di una serata molto disinibita a Milano Marittima, spiegando che “non sai mai quello che Lele può metterti nel bicchiere”. Il Lele in questione, ovviamente, è Mora, attualmente indagato insieme a Emilio Fede e Nicole Minetti: il trio delle meraviglie portava le ragazze in casa del premier. Man mano che le indagini vanno avanti, la vicenda si fa sempre più torbida e ormai sono rimaste ben poche vie di fuga, le conferme che tutto è realmente accaduto, sono sempre in agguato.

Rispondi