Sanremo 2013, quarta puntata: trionfa Antonio Maggio tra i giovani

0
1181
Fabio Fazio, Luciana Littizzetto e Pippo Baudo | © Daniele Venturelli / Getty Images

Serata all’insegna delle emozioni e dei ricordi, la penultima puntata di Sanremo 2013 ha voluto rendere omaggio a quelli che sono stati i personaggi che hanno segnato la storia del Festival.

I big questa volta hanno intonato brani già noti, spaziando da Mia Martini, Luigi Tenco, Sergio Endrigo, Massimo Ranieri ed anche Elisa. Ieri è stata scoperta la statua dedicata a Mike Bongiorno, che ha condotto molte edizioni del Festival, oltre ad essere una pietra miliare della televisione italiana. E a proposito di pietre miliari, all’Ariston è arrivato anche Pippo Baudo, che ha baciato Luciana Littizzetto e ringraziato il pubblico, che lo segue da oltre cinquant’anni, sempre con grande affetto.

Le esibizioni

Per quanto riguarda le esibizioni dei big, non tutti hanno reso davvero giustizia ai brani interpretati: da Marco Mengoni, che si è commosso sulle note di “Ciao amore, ciao” di Luigi Tenco, passando per Raphael Gualazzi, che ha reso irriconoscibile “Luce – Tramonti a Nordest” di Elisa; Malika Ayane ha cantato “Che cosa hai messo nel caffè” di Riccardo Turco, Daniele Silvestri ha reso omaggio a Lucio Dalla con “Piazza grande”, Annalisa Scarrone invece si è cimentata in una nuova versone di “Per Elisa” di Alice, duettando con Emma Marrone; Marta sui Tubi, duetto con Antonella Ruggiero con “Nessuno”, i Modà, più romantici, si sono esibiti con “Io che non vivo”, Simone Cristicchi ha ricordato Sergio Endrigo con “Canzone per te”; Simona Molinari e Peter Cincotti hanno cantato “Tua”, mentre Maria Nazionale si è esibita con “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri; Max Gazzè con “Ma che freddo fa”, gli Almamegretta hanno rivisitato “Il ragazzo della via Gluck” in versione reggae e senza Raiz; Chiara Galiazzo ha cantanto “Almeno tu nell’universo” di Mia Martini; esilarante la performance di Elio e le storie tese, con loro c’era anche Rocco Siffredi a interpretare “Un bacio piccolissimo”.

Antonio Maggio vince tra i giovani

La sfida tra i giovani è andata tutta a favore di Antonio Maggio. L’ex concorrente di “X Factor” con la sua “Mi servirebbe sapere” ha sbaragliato la concorrenza, ma non tutti sono rimasti a bocca asciutta. Il Cile, escluso già due giorni fa, è stato premiato per il miglior testo, invece Renzo Rubino ha vinto il premio della critica Mia Martini per la sua particolarissima “Il postino (Amami uomo)” in cui canta accompagnato da un tenore.

Gli ospiti e la giuria di qualità

Come già detto, Sanremo 2013 ieri sera ci ha regalato tanti ricordi fin dall’apertura della quarta puntata. Tra gli ospiti, anche i “figli di”, Rosita Celentano, Gianmarco Tognazzi, Danny Quinn e Paola Dominguin che, giovanissimi e inesperti, hanno presentato il Festival nel lontano 1989.

Ieri Fabio Fazio ha presentato anche la giuria di qualità, presieduta da Nicola Piovani. Carlo Verdone, assente per problemi di salute, è stato sostituito da Neri Marcorè, che ha affiancato così Eleonora Abbagnato, Stefano Bartezzaghi, Cecilia Chailly, Claudio Coccoluto, Serena Dandini, Paolo Giordano, Nicoletta Mantovani e Rita Marcotulli.

Grande ospite Pippo Baudo, accolto dal pubblico dell’Ariston con una standing ovation; al pianoforte si è esibito Stefano Bollani, che ha regalato al pubblico un medley di canzoni scelte direttamente dalla platea e che ha duettato anche con Caetano Veloso.

Una puntata ricca, con i cambi d’abito di Luciana Littizzetto dedicati alle donne che hanno fatto la storia del Festival: il look più bello è stato senz’altro quello dedicato a Caterina Caselli, il caschetto indossato da Lucianina ha fatto impazzire il pubblico.

Rispondi