Processo Michael Jackson: parla la difesa

6
1154

Ennesimo capitolo del processo Jackson. Questa è la volta della difesa del dottor Conrad Murray, accusato di omicidio involontario per aver somministrato un anestetico molto forte, il propofol, al cantante senza garantire un’adeguata assistenza. Il primo testimone chiamato a deporre dagli avvocati di Conrad Murray, è il dottor Allen Metzger. Il dottor Metzger amico ed ex medico personale di Michael Jackoson, dichiara che due mesi prima di morire, il Re l’ha chiamato per chiedergli medicinali che l’aiutassero a dormire, ma soprattutto medicinali che riuscissero a fargli superare l’ansia e l’angoscia che gli creava l’idea di tornare sul palco.

Conrad Murray © Pool / Getty Images

Inoltre il dottor Metzger continua di fronte alla corte di Los Angeles affermando che la star del pop gli aveva detto di essere molto contento del concerto che avrebbe dovuto tenere a Londra ma era anche molto preoccupato per la sua salute, soprattutto per quell’insonnia che ormai lo tormentava da troppo tempo. E nell’aprile del 2009, gli aveva chiesto di prescrivergli “una qualche forma di anestetico” da somministrare per endovena, dal momento che i normali sonniferi ormai non avevano più alcun effetto sul Re del Pop.

Dal primo testimone chiamato a deporre dagli avvocati del dottor Murray pare che la difesa voglia portare avanti un’idea ben precisa. Un’idea che descrive un Michael Jackson sofferente, oppresso, non solo dal lavoro che ormai era pesante da sostenere, ma soprattutto da problemi fisici e psichici difficili da affrontare per un uomo distrutto da una vita fatta di chirurghi, eccessi, denunce, avvocati e accuse che non sono mai state smentite, ma nemmeno convalidate. In fin dei conti la prematura e sconvolgente morte di Michael Jackson, proprio come quella di Amy Winehouse, ha bisogno di un colpevole, uno su cui puntare il dito, ma c’è anche da ricordare che la morte di questi due grandi artisti, la cui bravura e grandezza riecheggia ancora di più dopo la scomparsa, è dettata anche da scelte e decisioni particolari, che non possono essere giudicate sicuramente da noi o da una qualsiasi corte o giudice.

6 COMMENTI

  1. avete fatto un commento finale estremamente equlibrato, ma c’è da ricordare quanti hanno gettato fango su michael quando era in vita, le accuse di voler diventare bianco quando poi aveva la vitiligine e lui lo aveva sempre dichiarato ma non veniva creduto e solo con l’autopsia del corpo molti si sono ricreduti.,nessuno ha mai detto quanta benificienza lui aveva fatto, o almeno in modoo marginale,la macchina del fango per Michael non ha mai smesso di funzionare….il processo sta per finire e l’accusa ha evidenziato bene con i testimoni che michael non si poteva iniettare da solo il propofol..e il medico doveva comunque salvargli la vita chiamando i soccorsi in tempo…solo per questa andrebbe ritenuto colpevole… Vi ringrazio

  2. CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO “Processo a Michael Jackson” NON CONOSCE AFFATTO LA VITA DI MICHAEL JACKSON.
    ALMENO PRIMA DI SCRIVERE CERTE COSE CONSIGLIEREI DI DOCUMENTARSI, FORSE NON E’ INFORMATO CHE TUTTE LE ACCUSE RIVOLTE AL KING OF POP PER PEDOFILIA E STATO ASSOLTO CON FORMULA PIENE DA TUTTI I 10 CAPI D’ACCUSA, INOLTRE LO STESSO ACCUSATORE HA AFFERMATO DI ESSERSI INVENTATO TUTTO PER ESTORCERE DEL DENARO A MICHAEL. INOLTRE TENGO A PRECISARE CHE MICHAEL JACKSON L’UNICO INTERVENTI A CUI SI E’ SOTTOPOSTO RIGUARDAVANO IL NASO IN QUANTO HA SUBITO LA FRATTURA DEL SETTO NASALE A CAUSA DI UNA CADUTA E DATO CHE C’ERA L’HA SISTEMATO. PER QUANTO RIGUARDA LA PELLE CHIARA MICHAEL SOFFRIVA DI VITILIGINE, LASCIO IMMAGINARE COSA SIGNIFICA PER UN ARTISTA LE MACCHIE CHIARE A LEOPARDO SUL VISO COLLO PETTO SCHIENA E GAMBE SU PELLE NERA, NON SO’ COSA AVREBBE FATTO CHI HA SCRITTO QUESTO ARTICOLO SE FOSSE STATO AL POSTO DI MICHAEL. SE STESSI A SCRIVERE TUTTO CIO CHE RIGUARDA MICHAEL JACKSON DOMANI SAREI ANCORA QUA, PER CUI CONSIGLIO CHE DOCUMENTARSI SAREBBE OPPORTUNO

  3. Ma insomma… anche questa volta con una frase siete riusciti a mandare in vacca un articolo che poteva essere ben fatto. L’ultima frase è comunque discutibile, come vi han fatto già notare, ma mi ci vorrebbe troppo per spiegarvi i perchè e percome MJ sia arrivato a quel punto – motivi ben diversi dalla Winehouse, non dimentichiamolo!!
    La frase che però mi ha fatto davvero saltare sulla sedia è quella sulle “accuse che non sono mai state smentite, ma nemmeno convalidate” : ma scherziamo??
    C’è stato un processo al termine del quale è stato assolto da tutti i capi di imputazione e all’interno del quale è stata dimostrata la natura truffaldina delle accuse, smontate magistralmente dall’ormai mitico avvocato Mesereau! Che smentita volete di più?
    Proprio questa cecità verso la verità processuale, che i media hanno quasi ignorato perchè avrebbero dovuto fare ammenda dopo avergli scaricato addosso merda per anni, è uno dei motiv iper cui Michael è arrivato a quel livello di tensione, pressione e stress che gli impedivano di dormire, lo spingevano ad assumere farmaci ,che tra gli effetti collaterali avevano anche l’insonnia, in un cane che si mordeva la coda e che l’ha portato alla morte.
    Saluti!

  4. ma vogliamo scherzare, come si fa a paragonare Michael Jackson a Amy, amy chi ?, scusate!
    Il medico era lì per salvaguardare la salute di Michael e non l’ha fatto. merita di marcire in galera anche se sappiamo che seppur condannato a 4 anni non ne farà un solo giorno in galera.
    Normale che Michael fosse nervoso di rientrare sul palco, dopo tutto quello che i media gli avevano fatto passare. Ricordiamo che nessuno riportò la grandiosa notizia che recitò per ben 13 volte il giudice a maggio 2005: NOT GUILTY ! (E RICORDIAMO BENE: non per insufficienza di prove, ma perchè il fatto non sussiste – a cui fecero poi seguito le accuse ai suoi accusatori per farlo e truffaldaggine.
    quindi quello che riportate: “problemi fisici e psichici difficili da affrontare per un uomo distrutto da una vita fatta di chirurghi, eccessi, denunce, avvocati e accuse che non sono mai state smentite, ma nemmeno convalidate”
    E’ ASSOLUTAMENTE FALSO .
    leggete, informatevi prima di scrivere.
    grazie

  5. Sicuramente avete ragione!Ma io sono dell’avviso che in queste circostanze, il 100 per cento della verità non si saprà mai! Non ho minimamente messo in dubbio il fatto che lui avesse una malattia, la vitiligine, che per una star del suo calibro era difficile da sostenere, ma per quanto riguarda la chirurgia, il suo volto non era sicuramente sconvolto solo da 2 rinoplastiche e un operazione al mento. So che è stato assolto completamente dalle accuse di pedofilia (e non volevo far capire il contrario), ma quelle riviste, che all’inizio ritraevano bambini nudi, poi erano normalissime riviste pornografiche. La verità dove sta??

  6. La verità sta nel fatto che hanno fatto di tutto per diffamarlo diffondendo notizie del tutto false approfittando della sua bontà, gentilezza, generosità perché parlare bene di Michael Jackson non faceva e non fa guadagnare fiumi di denaro, mentre creare curiosità morbosa e parlare male ne fa guadagnare moltissimo.
    Preciso che è stato completamente assolto da ben 14 capi d’accusa e che i ragazzi i cui genitori lo avevano ricattato hanno ben chiarito che erano stati costretti a dire il falso.
    Quando è stato arrestato è stato trattato in modo disumano, mentre i poliziotti invadevano Neverland e la distruggevano lasciando quelle riviste che lui non si era mai neanche sognato di comprare per il semplice fatto che erano completamente estranee al suo mondo e al suo modo di essere.
    Aran, mi pare che la sua domanda finale non debba neanche essere posta.
    Purtroppo devo constatare ancora una volta che lo sport più amato da tanti che, non so se in modo intenzionale o involontario, ma il risultato è lo stesso, portano acqua al sistema mass mediatico è ancora una volta giocare a rimpiattino tra notizie false e tendenziose, frasi ambigue per lasciare dentro ad un alone di ambiguità la verità, quella pura e semplice, quella che non fa notizia e non alimenta il business.

Rispondi