Philip Seymour Hoffman: trovato morto, forse per overdose

0
21
Philip Seymour Hoffman | © ROBYN BECK/AFP / Getty Images

Philip Seymour Hoffman, attore 46enne, vincitore del premio Oscar per il film “Capote“, è stato trovato morto nel suo appartamento nel Greenwich Village di Manhattan , al numero 35 di Bethune Street, per una apparente overdose. La polizia sta indagando poiché il suo corpo è stato trovato riverso nel bagno con una siringa ancora nel braccio, con tanto di laccio emostatico. A chiamare il 911 è stato lo sceneggiatore David Katz che preoccupato del silenzio di Hoffman con il quale stava collaborando, era andato a casa sua. Oltre all’evidenza della siringa gli investigatori hanno trovato sacchetti contenenti una sostanza che si sospetta sia eroina.

Hoffman nel 2013 si era fatto ricoverare in rehab ammettendo di avere problemi di droga, ringraziando pubblicamente la famiglia e gli amici che l’avevano supportato. La sua era stata una ricaduta dopo 23 anni di astinenza, dovuta forse anche al fatto che in autunno si era separato dalla compagna, la costumista Mimi O’Donnell dalla quale aveva avuto tre figli, Alexander, nato a marzo 2003, Tallulah, una bimba di otto anni, e Willa, di sei.

Il New York Post, ha raccolto una breve dichiarazione da parte di un rappresentante della famiglia:

Siamo devastati dalla scomparsa del nostro amato Phil… E’ una perdita tragica, inaspettata… Vi chiediamo di rispettare la nostra privacy in questo momento di lutto. Vi preghiamo di tenere Phil nei vostri pensieri e nelle vostre preghiere.

Un vicino ha raccontato:

Era uno del quartiere. La mattina si incontrava coi bambini mentre andava a prendere il caffè qui sotto. E’ una notizia disperatamente triste.

Philip Seymour Hoffman |© Michael Loccisano / Getty Images

Hoffman oltre alla sua interpretazione da protagonista in ‘Capote‘, che gli aveva regalato l’ambita statuetta nel 2005, aveva avuto tre candidature ai Tony Awards come miglior attore non protagonista, per “The Master” nel 2013, con il quale si è aggiudicato la Coppa Volpi a Venezia “Il dubbio” nel 2009 e “La guerra di Charlie Wilson“, nel 2008.

L’abbiamo visto nei film come “Il talento di Mr. Ripley”, “I love Radio Rock”, “Almost famous” e “Ritorno a Cold Mountain”.

Hoffman è apparso in film di successo come la serie “The Hunger Games“. La produzione di “The Hunger Games ” ha dichiarato:

Hoffman era uno degli attori più dotati della nostra generazione. Siamo stati molto fortunati ad averlo avuto nella  famiglia di Hunger Games.

Non sono mancati su Twitter i saluti dei suoi colleghi:

Lo saluta John Hurt, con lui in ‘Owning Mahowny‘ (2003). Josh Gad attore di ‘Frozen‘ dice:

Ho il cuore spezzato, e la mente. Il mio idolo è scomparso e sono così confuso e triste RIP.

Aaron Paul, (Jesse di ‘Breaking Bad’):

Abbiamo perso uno dei più grandi oggi.. Philip Seymour Hoffman RIP amico mio. Ci mancherai sempre e per sempre.

Steve Martin si dice “shocked“, così come Whoopi Goldberg.

Ricky Gervais dice:

RIP Philip Seymour Hoffman. Uno dei più grandi attore di questa generazione e un uomo dolce, buffo, e modesto.

Zach Braff lo definisce:

…uno dei più grandi attori dei nostri tempi.

Rose McGowan lo descrive come:

…un talento gigante toccato dal fuoco sacro.

Elijah Wood aggiunge:

riposa in pace, Philip Seymour Hoffman.

Tom Hanks, che ha co-protagonista con lui in “La guerra di Charlie Wilson“, ha detto in un comunicato:

Era un talento enorme. Nostri cuori sono aperti per la sua famiglia.

I commenti aumentano ogni minuto. Mia Farrow, Albert Brooks, Andie MacDowell, Ellen DeGeneres, ma non solo attori, anche Chelsea Clinton ha lasciato un saluto commosso.

Il Sindaco di New York Bill de Blasio ha dichiarato via Twitter:

Addolorato per scomparsa tragica e prematura di Philip Seymour Hoffman Oggi New York piange la perdita di uno dei grandi del palcoscenico e dello schermo.

La sua morte, se confermata per una overdose, ricorda il 2008 la morte dell’attore Heath Ledger, che è stato trovato morto nel suo appartamento di Manhattan da una combinazione letale di farmaci.

Rispondi