Graham Elliot: il giudice di Masterchef ha perso 60 kg!

0
124
Gordon Ramsay, Joe Bastianich e Graham Elliot | © Ilya S. Savenok / Getty Images

Gli chef della tv non sono panzuti, a parte alcuni: ormai vanno di moda gli chef salutisti e palestrati, che offrono una cucina piena di grassi ma che ci tengono al mangiar bene.

Così anche Graham Elliot, prima chef vecchio stile, con troppi chili in più, ha deciso di passare dall’altra parte e diventare uno chef in forma come i suoi colleghi di “Masterchef USA“, Joe Bastianich (anche lui ha perso molti chili negli ultimi anni) e Gordon Ramsay.

Su Twitter Graham mostra gli straordinari risultati che è riuscito a riportare in soli quattro mesi, perdendo sessanta chili. E non è finita qui, adesso ha cambiato stile di vita, ha optato per un’esistenza salutare dove esiste anche lo sport e con le sue buone intenzioni e una grande forza di volontà i risultati si vedono eccome!

Graham Elliot ha solo 36 anni e da persona obesa si è reso conto di non poter compiere anche le azioni più semplici a causa del suo sovrappeso, tra cui occuparsi dei suoi figli. Star dietro a tre piccole creature richiede grande dinamicità e di sicuro il suo percorso verso il cambiamento non è stato facile. Lo scorso agosto aveva dichiarato:

La parte più difficile è stata imparare a mangiare. E’ ancora difficile resistere alle tentazioni: se gli amici mangiano un panino o dei biscotti appena sfornati è dura non assaggiare. Mentalmente ho dovuto imparare a vedere queste cose come il nemico.

Graham Elliot | © Twitter
Graham Elliot | © Twitter

Adesso nel futuro di Graham c’è la Maratona di Chicago, impresa da condividere insieme ai colleghi Gordon Ramsay e Joe Bastianich, che invece hanno già più esperienza nel campo. Ma il nostro chef si sta allenando e per ora ha percorso cinque miglia, vista tutta la sua determinazione siamo certi che otterrà grandi risultati anche nello sport e, come se non bastasse, è un ottimo esempio, soprattutto negli USA, dove l’obesità è diventata una vera e propria piaga, già a partire dall’infanzia.

 

Rispondi