Fiorello è stato dimesso dal Gemelli

0
26
Fiorello Facebook

Fiorello, dopo una settimana di cure presso il reparto di Neurochirurgia dell’ospedale Gemelli di Roma, è stato dimesso dal prof. Giulio Maira. Indiscrezioni parlano di una pressione dello showman sui medici per poter rientrare nella sua abitazione, dato il miglioramento delle sue condizioni di salute.

L’Ansa riporta un comunicato del prof. Maira:

Fiorello è emotivamente provato e ha chiesto di tornare dalla sua famiglia. Si è deciso di effettuare una dimissione protetta a domicilio dove verrà continuato un assiduo monitoraggio clinico.

Si era deciso per lui, assoluto riposo per almeno 15 giorni ma non è stato così, e la sua uscita prematura viene spiegata con una dimissione protetta che è stata commentata nel bollettino diffuso stamane:

La ferita lacero-contusa frontale destra verrà medicata quotidianamente fino alla rimozione dei punti di sutura che non avverrà prima di sette giorni. Il paziente è stato sottoposto a esami diagnostici, che hanno evidenziato il fisiologico riassorbimento della lesione emorragica post traumatica e la naturale evoluzione dell’ematoma del muscolo trapezio destro.

Fiorello, lo ricordiamo, lunedì 3 marzo scorso ha avuto un incidente stradale nel quale è stato coinvolto il signor Mario Bartolozzi, un pensionato 73enne, che è stato investito dallo scooter dello showman e che resta ancora ricoverato presso la clinica Villa Stuart.

Ieri Fiorello era atteso al Premio Tv 2014 per ritirare il premio per la migliore trasmissione web, EdicolaFiore, che per il momento è in attesa che Fiore si riprenda. Fabrizio Frizzi gli ha consegnato virtualmente il premio ed ha poi postato su Twitter il video della premiazione.

Anche la tournée teatrale per il tour di Fuori Programma, che avrebbe visto Fiorello in giro per i palcoscenici italiani è stata cancellata.

Beppe Fiorello, fratello minore di Rosario ha fatto sapere che il fratello ha già preso contatti con la famiglia del pensionato e che appena gli sarà possibile lo andrà a trovare ed a scusarsi di persona.

Rispondi