Christina Hendricks e Olivia Munn nude? Le foto sono dei fake

0
639
Christina Hendricks | © Stuart Wilson / Getty Images

Autoscatti sexy di grandi star del cinema o della musica che vengono diffuse da hacker, spesso e volentieri si tratta di fake, altre volte si resta col dubbio. Di recente sono stati “attaccati” i telefoni di due attrici considerate super sexy, la prosperosa Christina Hendricks e Olivia Munn, che peraltro da poco ha posato nuda per la PETA.

Le foto hanno già fatto il giro del mondo, ma fonti vicine ad entrambe hanno dichiarato che si tratta di fake. Vero o falso? Potrebbe essere la solita scusa per non confermare la cattiva abitudine di tenere le foto a portata “di hacker”, oppure potrebbe essere la verità.

Christina Hendricks | © Stuart Wilson / Getty Images

Le foto diffuse mostrano un primissimo piano del seno della Hendricks e Olivia Munn completamente nuda, peccato però che in queste foto non si veda il volto, quindi non c’è una conferma concreta del fatto che si tratti delle attrici.

Secondo la fonte vicina a Christina Hendricks, le immagini che la riguardano non sono autentiche, si tratta di un impostore che ha voluto divertirsi speculando sull’immagine di qualcun altro. Per quanto riguarda la Munn, invece, è stata lei stessa a commentare l’accaduto, di certo cosa spiacevole. L’attrice ha scritto che al massimo la foto più osè che si può trovare, la ritrae insieme ad un gattino, mentre le altre foto che la mostrano in bikini e reggiseno, erano state già pubblicate, quindi niente di nuovo.

Le due colleghe non sono le uniche ad essere finite al centro del ciclone per degli autoscatti: ha fatto parlare Miley Cyrus, ma ancor di più hanno fatto discutere quelli di Blake Lively, che ha smentito l’autenticità delle foto, idem per quanto riguarda quelli di Scarlett Johansson. Chi ammetterebbe, dopotutto, una volta trovate le immagini, di apprezzare l’arte dell’autoscatto da diffondere sul web? Non saranno state le prime e di certo non saranno le ultime, chi sarà la prossima vittima a farsi circondare dal dilemma “vero o falso”?

 

Rispondi