Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri, la coppia dell’estate

0
321
© Chi

Li hanno già definiti “coppia dell’estate”, Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri sono infatti la coppia-rivelazione del gossip estivo.

A lanciare lo scoop sulla loro relazione è stato il settimanale Chi, pubblicando le foto delle loro vacanze al mare. Non ci sono dubbi sul fatto che i due non siano semplici amici, tra baci e carezze Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri sono in grande sintonia e l’attrice sembra aver ritrovato la serenità al fianco dell’allenatore.

Contrariamente a quanto riportato da molte testate, Ambra Angiolini e Francesco Renga non si sono mai sposati, ma hanno avuto una lunga relazione dalla quale sono nati due figli. La separazione non è stata facile e il gossip non ci è andato giù leggero, ben prima dell’addio ufficializzato sulla coppia se ne sono dette di tutti i colori e sono venuti alla luce tradimenti e malumori oggi da dimenticare.

Per Ambra Angiolini è iniziato un nuovo capitolo. Nemmeno il tempo di annunciare la nuova storia d’amore con Massimiliano Allegri e i settimanali sono andati alla ricerca delle prime crisi. Secondo il settimanale Mio sarebbero iniziati i primi malumori, la base sono delle immagini che ritraggono la coppia dopo una cena a Milano in cui non sfoggiano i loro sorrisi migliori. Ma da qui a parlare di crisi è eccessivo, quando i paparazzi ti inseguono potresti già non essere al settimo cielo e non si può di certo essere sempre impazziti di gioia, anche quando si è innamorati. Questo è quanto si legge:

Dopo una cena a dire il vero non troppo… allegra Max, scuro in volto, esce dal locale seguito da Ambra, che invece non si nasconde al nostro fotografo e mostra anzi un sorriso ironico. I due, poi, salgono in macchina per recarsi in hotel, dove il tecnico della Juventus ha forse accompagnato l’ex moglie di Francesco Renga.

A fare scalpore, più dei malumori, è il fatto che si tratti della prima uscita in pubblico dopo lo scoop del settimanale Chi. Per il momento nessun commento da parte dei diretti interessati.

Rispondi