Santiago De Martino nudo su Instagram, proteste contro Belen Rodriguez

0
287
Belen Rodriguez e Stefano De Martino | Instagram

Ormai da tempo il piccolo Santiago De Martino è diventato il protagonista degli scatti di Belen Rodriguez su Instagram, ma alcuni fan pensano che abbia esagerato e si sono scagliati contro di lei.

La showgirl è tornata in Argentina per trascorrere le feste in famiglia insieme al bambino e al marito Stefano De Martino, ma continua a condividere alcuni dei momenti insieme. In una delle foto ha mostrato il piccolo Santiago nudo che dorme sulla pancia dello zio e i commentatori si sono scatenati.

In molti sono dell’idea che con tutto quello che succede su internet non è giusto esporre così tanto un bambino. La foto è molto semplice ed anche tenera, non lascia pensare a nulla di malizioso che potrebbe attirare le persone sbagliate sullo scatto, ma solamente qualche commentatore fastidioso di troppo.

Il pubblico di Belen Rodriguez si è così diviso tra chi l’ha attaccata perché anche Santiago è diventato un fenomeno da copertina, da mettere in posa (addirittura nudo!), altri invece difendono la showgirl argentina, sottolineando l’innocenza dello scatto. Ecco uno dei commenti:

Non so come facciano le persone a trovare scandalosa questa foto magnifica quando poi su internet sono le prime a condividere foto di bambini nudi.. Sappi che se lo facessero loro non avrebbero nulla da dire ma poichè tu sei Belen, purtroppo ti criticano! Baci a te e Tati

Belen Rodriguez e Stefano De Martino | Instagram
Belen Rodriguez e Stefano De Martino | Instagram

C’è invece chi attacca le manie di protagonismo della bella Belen:

te d ho un consiglio….se fai n’altro figlio c hai piu foto da pubblica’

E se alcuni pensano che la foto sia bellissima, qualcun altro scrive:

Ke vergogna anke il bimbo in qst stato scandaloso un piccolo neonato ridotto così su internet con sta foto

Ma Belen non ci pensa e va avanti, ormai è anche piuttosto abituata alle critiche e così ha continuato a pubblicare le foto dei suoi viaggi nel Sud America senza preoccuparsi più di tanto delle critiche che, infondate oppure no, non mancano mai.

Rispondi