Randi Ingerman: “Non riesco a curare la mia epilessia”

0
57

Randi Ingerman è sparita dal piccolo schermo ormai da un po’ di tempo e vi ha fatto ritorno solo per parlare di un grave problema che la affligge.

Ospite a “Le amiche del sabato“, Randi Ingerman ha spiegato di essersi dovuta allontanare dalla televisione a causa di un problema di epilessia che ha ormai da qualche anno e che non riesce a controllare e curare in nessun modo. La vita della Ingerman non è stata mai semplice, anche se ha trovato il successo ha dovuto fare i conti con altri eventi e perdite che l’hanno profondamente segnata.

Degli aborti e la perdita di una nipotina allattata dalla madre tossicodipendente, compagna del fratello che successivamente è morto a causa di un’overdose da antidepressivi. E’ da allora, infatti, che sono iniziati i problemi per Randi Ingerman, che qualche anno fa in seguito a un forte attacco epilettico si è ritrovata con il volto sfigurato. In tv ha raccontato:

Purtroppo sto soffrendo di crisi di epilessia. Perdo coscienza da un secondo all’altro, tremo, è molto pericoloso perché vivo da sola. E’ difficile perché sono anche farmaco resistente. Non riesco a rispondere alle medicine. Ce l’ho da cinque-sei anni, dopo aver perso mio fratello. Dopo aver fatto analisi in giro per il mondo sto provando delle cure alternative, perché nel mio caso la medicina ha peggiorato la situazione. E’ molto delicato. Non c’è niente da vergognarsi. Soffriamo tutti e non ci rendiamo conto quanto i forti traumi della vita possano influire.

Randi Ingerman

Randi Ingerman sogna ancora di poter avere un bambino ma al momento è sola e spesso non riesce a badare a se stessa, non potendo controllare le crisi. E sa che per lo stesso motivo non potrebbe nemmeno adottare. Al momento si sta concentrando sul lavoro, sta meglio che in passato ma rimane ancora qualche sogno da realizzare. Non lavora più in televisione ma si sta impegnando nel campo della cosmesi, non possiamo che augurarle di trovare grandi soddisfazioni e soprattutto una cura per il suo male.

Rispondi