Brigitte Nielsen ubriaca: “Non c’è bisogno di preoccuparsi”

0
728
Brigitte Nielsen | © Tim Whitby / Getty Images

Ieri facevano il giro del mondo le foto di Brigitte Nielsen, l’attrice sdraiata in un parco di Los Angeles con una bottiglia di vodka in mano che, mescolata insieme a sigarette e colluttorio l’ha portata a vomitare. Una scena che ha fatto inorridire e preoccupare tutti coloro che l’hanno vista e che subito hanno pensato al peggio.

L’attrice ha già avuto gravi problemi con l’alcol in passato, per anni ha combattuto contro questa dipendenza che purtroppo affligge molte persone anche a Hollywood, ma subito dopo la diffusione delle immagini Brigitte Nielsen ci ha tenuto a specificare che la situazione non è così preoccupante come appare dalle foto:

Voglio ringraziare tutti i miei fan e gli amici della comunità di Hollywood per le calorose telefonate ed e-mail riguardanti queste brutte foto. Guardando le immagini capisco  il livello di preoccupazione, ma posso assicurare a tutti che non c’è motivo di allarmarsi. Ho lavorato senza sosta per moltissimo tempo, onorando i miei impegni e girando programmi in giro per il mondo con tutta la pressione che ne consegue. A questo si aggiungono gravi problemi di salute nella mia famiglia: sono così arrivata alla spiacevole circostanza che vedete nelle foto. Volevo un momento per me, in un parco. La vodka è stata una mossa disperata per alleviare la pressione. Non è così che vivo la mia vita di tutti i giorni.

Brigitte Nielsen | © Tim Whitby / Getty Images

Tuttavia le affermazioni di Brigitte Nielsen, anche il giorno dopo appaiono poco credibili. Ormai tutti hanno bene impressa nella mente l’immagine dell’attrice devastata dall’alcol con in mano la sua bottiglia di Vodka Popov, quasi incapace di reggersi in piedi. Ci auguriamo lo stesso che si tratti davvero di un momento passeggero, ma visti i precedenti dell’attrice, un ritorno al passato in momenti del genere diventa un passo quasi del tutto naturale e non vorremmo vedere altre foto del genere o immaginare un brutto finale.

Rispondi