Vasco Rossi si sfoga con i fan su Facebook

0
415
Vasco Rossi | © Giuseppe Cacace/Getty Images

Un Vasco Rossi commovente, quello che ha deciso di parlare a cuore aperto ai suoi fan tramite il social network più famoso al mondo, Facebook. La rockstar è stata ricoverata per diversi giorni in una clinica privata, e le sue condizioni di salute avevano fatto preoccupare molto i suoi fan, soprattutto quando si sono diffuse le voci di una infezione polmonare, prontamente smentita.

Vasco Rossi | © Giuseppe Cacace / Getty Images
Adesso è proprio Vasco Rossi a vuotare il sacco, con delle note pubblicate su Facebook che hanno ottenuto un grande riscontro di pubblico e che ci fanno sapere come sono andate veramente le cose e che la vita di Vasco non è stata sempre tutta rose e fiori. Ecco cosa ha scritto nella nota “Approfitto della vostra pazienza“, che ha superato i 9.000 “mi piace” e i 5.000 commenti:

In questo periodo in cui l’argomento delle  mie condizioni di salute è salito così prepotentemente alla ribalta, approfitto della vostra pazienza per informarvi che: Assumo (da tempo) un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e altro , studiato da una equipe di medici, che mi mantiene in questo “equilibrio” accettabile. L’equipe è composta da: il dottor Gatti, mio medico di base con velleità da cantautore, il Dott. Giancarlo Boncompagni, primario del reparto psichiatrico dell’ospedale sant’Orsola di Bologna, ilDott. Lucio Loreto, specializzato in omeopatia e milanista, il dott. Beppe Monetti, radiologo, primario della clinica Nigrisoli di Bologna sempre abbronzato , il Dott. Giorgio D’alessandro fisiatra e psicoterapeuta, esperto in agopuntura, massaggio neuromuscolare e ayurvedico specializzato nella terapia del dolore (oltre che campione del mondo di “Sambo” una specie di lotta libera). A questi si è aggiunto il Dott. Paolo Guelfi direttore sanitario della clinica privata VillAlba, splendida persona oltre che serio professionista. Punto di riferimento, responsabile della gestione e la coordinazione generale, anche nelle situazioni particolarmente serie e complicate, è del Prof. Mario Mastrorilli, chirurgo toracico, medico di grande esperienza, professionista serio e scrupoloso, con una competenza  grande quasi come la sua anima. (trascorre ogni anno qualche mese in africa per curare gratuitamente bambini). Se sono vivo lo devo a loro e a tutta questa valanga di chimica che assumo. NON avrei superato tutte le consapevolezze, le sofferenze e la profonda depressione nella quale ero sprofondato nel 2001. Ho passato un lungo periodo di tempo in cui ogni cosa mi sembrava li per ricordarmi come la vedevo diversa, prima. Come mi risultava fastidiosa adesso mentre la trovavo normale e soddisfacente. E quella  continua sensazione di groppo in gola, di sconsolata tristezza. Un velo opaco, grigio, su ogni cosa. Essere di cattivo umore sempre, dalla mattina alla sera, dalla sera alla mattina. Ogni giorno, ogni momento. Per settimane… mesi.   Sempre.  Non avrei nemmeno salutato  V.R.

Poi arriva la nota “Dichiaro felicemente conclusa...” in cui Vasco Rossi parla della sua carriera da rockstar, non proprio finita, soltanto “modificata”:

DICHIARO felicemente conclusa la mia straordinaria attività di ROCKSTAR.   Questo non significa che smetterò di scrivere canzoni e di cantarle E neppure smetterò di fare concerti Voglio trovare nuove maniere nuovi modi cambiare le vecchie regole anche nel modo e nei tempi di uscita delle mie canzoni (a qst proposito già vi anticipo che presto pubblicherò “I SOLITI”) voglio farvele sentire quando sento che è il momento senza le solite anticipazioni tempi tecnici, convenienze….   Insomma non mi sono ritirato, dimesso, o vado in pensione. Voglio cambiare la “forma” NON  la “sostanza”   Inoltre Voglio dedicarmi di più a trasmettere agli altri le mie conoscenze. Voglio insegnare ad “ascoltare” le Canzoni. Voglio diffondere il concetto che la “Canzone d’Autore”, fa parte della Cultura che conta e insieme al cinema, la musica pop e la letteratura, è una delle più importanti forme d’Arte contemporanee.

I commenti di Vasco Rossi, riferiti evidentemente ai media che hanno detto di tutto e di più sulla sua situazione, continuano nella nota “NON sono depresso… come NON mi sono dimesso!“:

Guardavo il mondo da un oblò, quello della lavatrice con il quale lavavo i miei panni sporchi. All’oscuro da tutti, o quasi. E così, giravo assieme a quelli nel lavaggio. Com’ero lindo quando uscivo di casa. Con facebook, questa pazza piazza, ho provato il gusto di mettere i panni fuori. Questo non per dare aria alla bocca delle comari del paesino, i cosiddetti “organi” di stampa, ma per godere della condivisione dell’esperienza e della sensazioni. Non ho paura di parlare delle mie debolezze, visto che, paradossalmente, sono la mia forza. Ho capito comunque che la stampa è veloce nell’informare ma dannatamente ritardata nel comprendere. Non sono depresso… come non mi sono dimesso! D’altronde chi-mi-ca…pisce è bravo   V.R.

Insomma, Vasco ha scoperto tutte le carte in tavola, adesso c’è ben poco da inventare. A consolarlo e coccolarlo ci pensano i suoi innumerevoli fan che come sempre si sono dimostrati vicini al loro idolo.

Rispondi