Uomini e Donne: le confessioni di Luca Dorigo

0
8278
Luca Dorigo | © Vittorio Zunino / Getty Images

Maria De Filippi con “Uomini e donne” ha dato vita a un meccanismo che permette ai giovani di mettersi in vetrina, diventare inspiegabilmente famosi e guadagnare cifre esorbitanti, alla faccia di chi per arrivare a fine mese deve fare i salti mortali.

E’ un po’ un discorso che coinvolge talent e reality, oltre che la trasmissione dei tronisti. Tra tutti, Luca Dorigo ha raccontato come viveva quando è diventato famoso grazie al trono di “Uomini e donne“. Guadagnava cifre da capogiro, si godeva la vita al massimo, ma solo apparentemente, era tutta una questione di avere e molto meno di essere.

Luca Dorigo oggi è una persona diversa e più matura e, dichiara, non tornerebbe nuovamente a fare il tronista perché sarebbe “patetico”, ma di quei tempi rivela:

Luca Dorigo | © Vittorio Zunino / Getty Images

Ero arrivato a guadagnare fino a trentamila euro al mese con le serate, sessanta milioni di lire. Venivo ingaggiato e pagato solo per il fatto di essere nei locali, bere qualcosa, sorridere, firmare qualche autografo. E tutte le donne erano ai miei piedi. Insomma, mi sentivo una stella del mondo dello spettacolo e mi lasciavo cullare da questa nuova vita facile in cui ottenevo ogni cosa senza il minimo sforzo… Facevo lo “sparone”. Mi ero montato la testa. Soldi e popolarità mi facevano sentire onnipotente. Spendevo tutto quello che guadagnavo tra cene, vestiti firmati e viaggi all’estero. DI quei trecentomila o quattrocentomila euro intascati negli anni d’oro, pari a seciento o ottocento milioni di lire, ho messo da parte davvero poco. Al domani non ci pensavo proprio vivevo il presente, che era bellissimo. E siccome chi mi circondava all’epoca non aveva denaro, offrivo io.

Molti dei suoi cari amici, però, avevano messo in guardia Luca. Vedevano la situazione dall’esterno e con molta più lucidità, a loro il denaro non aveva dato alla testa, e così:

A un certo punto ho detto basta a quella vita senza progettualità. E lo devo a chi mi ha fatto ragionare per bene. I miei amici di un tempo, quelli di Jesolo. “Luca, apri gli occhi”, mi dicevano. “Guarda che le persone con le quali ti accompagni ti stanno solo sfruttando. E tu non sei più il ragazzo semplice che conoscevamo”. Avevano ragione loro. E le loro paternali influirono anche sulla decisione che stavo maturando: quella di lasciare il programma … volevo qualcosa di più. Volevo diventare magari il conduttore di un programma di reportage all’estero oppure di una trasmissione musicale. Una trasmissione, insomma, che fosse nelle mie corde. Non volevo essere ricordato solo come “tronista”. Questo non vuol dire che disdegni il percorso che ho fatto: a Uomini e donne devo moltissimo.

Ad oggi, Luca Dorigo dichiara di aver preso una strada più spirituale rispetto a prima, ha smesso di richiedere attenzione dal pubblico in maniera così morbosa:

Quando il mio conto in banca si è prosciugato, ho fatto l’unica cosa che ho sempre fatto: rimboccarmi le maniche. La vita mi ha insegnato la concretezza. So che per tutte le cose c’è un inizio e una fine.

Adesso Luca Dorigo è un deejay, lavora sempre nell’ambito delle discoteche, ma la situazione è completamente diversa rispetto ai tempi di “Uomini e donne“. Ci sono meno paparazzi al seguito e sicuramente il cachet è molto più basso. Insomma, l’ex tronista veneto è tornato alla normalità, mica facile.

Rispondi