Silvia Provvedi parla di Fabrizio Corona: “Non è un delinquente”

0
279
© Instagram / Le Donatella Official

Fabrizio Corona non ha trascorso molto tempo fuori dal carcere, è stato portato a San Vittore dopo il ritrovamento dei soldi non dichiarati nell’ormai famigerato controsoffitto.

Dalla sua uscita dal carcere alla comunità Exodus di Don Mazzi, poi le serate in discoteca ed eventi di vario genere in cui lui e la sua collaboratrice chiedevano soldi in nero, Fabrizio Corona non è stato esattamente un esempio da seguire. Adesso si trova in carcere insieme a Giovanni Cottone, l’ex marito di Valeria Marini, come ha confermato anche Silvia Provvedi. La cantante del duo Le Donatella ha preso le difese del compagno ed ha parlato di questa situazione complicata in un’intervista rilasciata al settimanale Chi.

Fabrizio Corona è diventato un vero e proprio fenomeno da studiare e che genera sempre dibattito, Silvia Provvedi però ha conosciuto una parte diversa di lui:

Fabrizio non è un delinquente e io non sono una cretina. Se davvero il mio uomo fosse come lo raccontano non sarei qui. Dalle vicende legali saprà difendersi. Io posso parlare della vicenda umana ed è una vicenda sporca. Fabrizio però deve sapere che non è solo… E insieme con me, suo figlio e sua madre ha buone basi per ricominciare.

Ex concorrente de “L’isola dei famosi“, che ha vinto insieme alla sorella Giulia, Silvia vuole prendere le distanze da alcune persone che hanno sfruttato la notorietà di Fabrizio Corona:

Tutte quelle persone che vanno in tv ad accusare Fabrizio, che è incapace di difendersi perché è in carcere, lo fanno perché sognavano di imitarlo, di essere come lui. Sbavavano per stare con Fabrizio, per guidare la sua macchina, per uscire e lavorare con lui e per lui. Ma ognuno si prenderà le sue responsabilità.

© Instagram / Le Donatella Official
© Instagram / Le Donatella Official

Fabrizio Corona, le ultime ore prima di tornare in carcere

Silvia ha raccontato anche cos’è successo nei momenti precedenti all’incarcerazione di Corona:

Eravamo in palestra, ricorda Silvia Provvedi, Fabrizio non si sente bene, mi chiede di andare in farmacia. Vado. Dopo un po’ lui mi raggiunge. È bianco in faccia e dice poche parole: “Amore, mi stanno arrestando, devi essere forte. Mi devo consegnare tra due ore esatte”. Poi è andato a casa di sua madre perché voleva avere la certezza di poter parlare con suo figlio Carlos. Gli ultimi minuti li ha trascorsi abbracciato a lui, una scena che non scorderò mai.

Fabrizio Corona e Silvia Provvedi, una vita tranquilla

Anche se era sempre in giro per inaugurazioni e ospitate, pare che Fabrizio Corona rientrasse presto a casa. Silvia Provvedi racconta la loro vita insieme negli ultimi mesi, la cantante lo ha conosciuto quando ancora era nella comunità di Don Mazzi e tutto era iniziato con una collaborazione professionale:

Negli ultimi quattro mesi io e lui abbiamo davvero vissuto come due anziani. La sera a casa perché aveva il rientro presto. Piano piano ero riuscita a togliere di mezzo tante persone negative che sapevo non gli facevano bene. Persone che vivevano idolatrando Corona e quando Corona si sente un Dio, uccide Fabrizio. Io lo sapevo, lo sentivo, ma evidentemente dovevo essere più incisiva. Io sto rinunciando alla mia vita e lo faccio perché credo in Fabrizio e lo difendo. Anche se so che il tempo della libertà per lui si allontana. Spero in un miracolo, spero nella legge.

© Instagram / Le Donatella Official
© Instagram / Le Donatella Official

Rispondi