Heather Locklear dimessa dall’ospedale

0
616
Heather Locklear | © Frazer Harrison / Getty Images

Heather Locklear ha fatto prendere uno spavento a famiglia e fan: l’attrice, celebre per la serie “Merlose Place” è stata ricoverata in ospedale dopo aver ingerito un mix di farmaci e alcol che ha messo seriamente a rischio la sua vita. Non è di certo una sorpresa, ormai la bionda attrice ci ha abituati a questo tipo di eccessi, che non riesce a guarire in nessun modo.

Heather Locklear | © Frazer Harrison / Getty Images

Già qualche anno fa, Heather Locklear era stata arrestata per aver guidato sotto effetto di stupefacenti. Solo in seguito si è scoperto che si trattava di medicinali, l’attrice da anni soffre di ansia e depressione e per questo è stata in cura. Evidentemente non ha superato il problema, che di recente si è ripresentato con questo spiacevole espisodio. Secondo alcuni sarebbe da ricollegare a diversi tira e molla con il suo ultimo compagno, Jack Wagner, ex collega di “Merlose Place”.

La vita privata dell’attrice è stata piuttosto turbolenta, mentre quella professionale non ha mai subito una svolta estremamente positiva, insomma il successo grandioso non è mai arrivato. Heather Locklear  è stata sposata per sette anni con Tommy Lee dei Motley Crue e successivamente, dopo il divorzio, ha sposato il chitarrista dei Bon Jovi, Richie Sambora, dal quale ha avuto anche una figlia, Ava. I problemi psicologici della Locklear hanno avuto inizio, presumibilmente o comunque pubblicamente, nel 2008 a causa dello spiacevole arresto di cui abbiamo già parlato, avvenuto a Santa Barbara nel settembre di quell’anno. Allora il magistrato dichiarò che i farmaci assunti dalla donna la rendevano un soggetto pericoloso alla guida. Depressione ed una carriera che non è mai andata avanti, salvo sporadiche apparizioni tra cinema e tv, tra cui “The perfect man” nel 2004 e la serie tv “Dynasty”, Heather Locklear più che altro si è dedicata a delle partecipazioni all’interno delle serie, tra cui “Hannah Montana” e “Ally McBeal”.

 

Rispondi